Vieni a conoscere il nostro progetto e a giocare con noi!
Contattaci!

Chi Siamo

Ci sono persone rotonde mia cara signora, ci sono bambini a forma, diciamo, di triangolo, perché no, e ci sono… ci sono bambini a zigzag.” (Grossman)
Il progetto “Facciamo goal alla disabilità!” FGAD promosso dalla Polisportiva Borgo Solestà di Ascoli Piceno è un’iniziativa di integrazione sociale di bambini/ragazzi diversamente abili attraverso il gioco del Calcio. Sì perché il calcio è anzitutto un GIOCO, e giocare è un diritto di tutti i bambini. Giocare a Calcio non vuol dire semplicemente fare goal. Vuol dire condividere, collaborare, saper stare insieme e saper comunicare. Vuol dire saper rispettare le regole, saper rispettare i compagni e gli avversari, ma anche sapersi entusiasmare ed emozionare. Insieme!

Il Nostro Progetto

Il progetto "Facciamo Goal Alla Disabilità" nasce dall'esigenza di dare una risposta concreta al desiderio di ragazzi con disabilità intellettive di praticare dello sport, nello specifico il Calcio. Lo sport di squadra rappresenta l’ambiente più idoneo al divertimento e alla socializzazione, ed è dunque per i ragazzi disabili una occasione preziosissima di integrazione con i loro pari normodotati. Oltre all’integrazione, tra gli obiettivi più importanti vi è quello di sensibilizzare i ragazzi normodotati alla cultura della diversità quale fonte di ricchezza e non come barriera o limite.

I ragazzi vivono tutte le emozioni di una vera e propria squadra, dagli allenamenti, alle partite allo spirito di spogliatoio. Sono previsti due allenamenti settimanali (uno integrato con una squadra di ragazzi normodotati e uno specifico per i ragazzi diversamente abili). I ragazzi verranno poi interessati da tornei e partite in stile "calcio-integrato". Il progetto si rivolge a bambini e ragazzi di tutte le età (in una fascia compresa tra gli 8 e i 20 anni) con diverse disabilità (per motivi di supporto tecnico al momento possiamo lavorare solo con ragazzi con disabilità lievi/moderate).

Il più importante obiettivo che ogni giorno raggiungiamo è ovviamente l'integrazione. Infatti, non solo non sono mai emerse grosse difficoltà nel fare passare ai bambini normodotati (e ai loro genitori) il messaggio del rispetto e della valorizzazione della “diversità” come risorsa, ma la stessa integrazione non ha mai avuto bisogno di forzature o di interventi particolari da parte degli operatori.

Obiettivi e Risultati

OBIETTIVI

1- Favorire l'integrazione tra ragazzi disabili e ragazzi normodotati attraverso la pratica sportiva;
2- Migliorare le abilità sociali, relazionali e comunicative dei ragazzi disabili;
3- Favorire lo sviluppo cognitivo collegato all’attività motoria;
4- Favorire lo sviluppo motorio;
5- Migliorare le abilità funzionali attraverso la pratica sportiva;
6- Aumentare l’autostima e il senso di autoefficacia personale dei ragazzi diversamente abili;
7- Favorire l’autonomia personale attraverso la propria cura personale e del proprio materiale;
8- Sensibilizzare i bambini normodotati, i genitori e la comunità alla tematica della disabilità;
9- Offrire alle famiglie dei ragazzi con disabilità un’occasione per uscire dall’isolamento sociale;
10- Diffondere la conoscenza degli effetti positivi dell’attività sportiva sui soggetti disabili.

 

 

RISULTATI

1- Sviluppo Motorio: i ragazzi hanno nel tempo migliorato le loro abilità motorie;
2- Sviluppo Cognitivo: capacità di mantenere l’attenzione e la concentrazione;
3- Sviluppo Sociale E Relazionale: i ragazzi hanno migliorato le loro abilità sociali e relazionali;
4- Autonomia Personale: i ragazzi hanno maturato un progressivo senso di responsabilità personale. Molti sono passati dalla totale dipendenza dai genitori al riuscire a lavarsi e cambiarsi soli;
5- Benessere Fisico E Psicologico: tutti i ragazzi ci dimostrano costantemente entusiasmo e gioia nello svolgere le attività. Le occasioni in cui si sono dimostrati insofferenti o stanchi sono pochissime e l’impressione comune è che quando i ragazzi entrano in campo stanno bene e sono contenti. Forse è proprio per questo che non abbiamo mai avuto grosse difficoltà a proporre le attività.

Dentro e fuori dal campo

 

                           

 

Negli anni abbiamo coinvolto oltre 30 società sportive della provincia e più di 1.500 ragazzi che hanno preso parte ad allenamenti e partite abbracciando così il nostro progetto.

Dai primi tempi ad oggi le squadre come la nostra sono aumentate, fortunatamente. E un po' di questo merito sentiamo essere anche nostro. Molte sono state le società sportive che sono venute a conoscere la nostra realtà, assistere agli allenamenti, parlare con noi per poter creare il loro progetto. Sentiamo di essere in qualche modo parte anche noi di un cambiamento che ha coinvolto tutto il settore calcistico nella direzione dell’inclusione e dell’integrazione.

Nel 2017 abbiamo per la prima volta partecipato al torneo di Quarta Categoria come “Facciamo Goal alla Disabilità”. Da Settembre 2018 a sostenere il nostro progetto è intervenuta anche la società dell’Ascoli Calcio 1898 FC. La nostra squadra da Settembre 2018 è iscritta al campionato come “Ascoli For Special”. La Quarta Categoria è il primo torneo nazionale di calcio a 7 rivolto esclusivamente ad atleti con disabilità cognitivo-relazionale promosso dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio con il sostegno del CSI. Lo slogan ufficiale è #IoVoglioGiocareACalcio, coniato e pubblicizzato in tutti i campi di calcio di serie A, B e C dopo la presentazione ufficiale del progetto avvenuta nel gennaio 2017 presso il Senato della Repubblica Italiana.

Innumerevoli sono stati i premi che abbiamo ricevuto in questi anni da parte di FIGC e altre delegazioni. Siamo stati premiati con il premio fair-play del del Panathlon Club International. Siamo stati invitati alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica dove i ragazzi sono stati ufficialmente tesserati come calciatori professionisti grazie all’impegno di Damiano Tommasi.

Da Gennaio 2019 abbiamo avviato un programma di integrazione nelle scuole del territorio e coinvolto tante scuole primarie e secondarie della provincia per far conoscere la nostra realtà e diffondere la cultura dell’inclusione.

Lo spirito che ci ha sempre guidati non è assolutamente cambiato con il tempo. Certo la squadra è cresciuta, le esperienze vissute hanno regalato enormi emozioni a tutti ma l’idea iniziale di voler realizzare un progetto di integrazione e inclusione è rimasto intatto e immutato.

Siamo certi che il progetto continuerà a crescere e che il cambiamento che si è instaurato è qualcosa di irreversibile e di cui siamo orgogliosi di aver fatto parte.

Ovviamente tutto questo non sarebbe possible senza il sostegno dei tanti sponsor che ci sostengono come Fondazione Carisap, Barilla, Conad Ascoli Piceno, "Il sorriso di Davide" di Folignano e tutti gli amici che ci sostengono e aiutano con le loro collaborazioni pro bono come l’agenzia di comunicazione MarketSugar, la Xentek Produzioni Televisive e tantissimi altri senza i quali molte cose sarebbero irrealizzazbili. E ovviamente le favolose famiglie dei nostri ragazzi che dobbiamo ringraziare per il sostegno e la fiducia costante nel nostro lavoro.

 

Premi e Rassegna Stampa

                                     

 

Tantissimi sono i premi e riconoscimenti che sono stati assegnati ai nostri ragazzi e al nostro progetto. Stampa online e giornali hanno spesso scritto di noi. Siamo stati tra i primissimi in Italia a promuovere un calcio che fosse completamente integrato e inclusivo. Non  vogliamo che i nostri ragazzi vengano discriminati o "confinati". Il nostro sogno più grande sarebbe quello di vedere progetti come il nostro in ogni parte d'Italia.

 

Contattaci e Informati

Address: Campo Sportivo Monterocco | 63100 Ascoli Piceno (AP)
Phone: Dott.ssa Sara Capriotti 347 6131 522