Vieni a conoscere il nostro progetto e a giocare con noi!
Contattaci!

Chi Siamo

Ci sono persone rotonde mia cara signora, ci sono bambini a forma, diciamo, di triangolo, perché no, e ci sono… ci sono bambini a zigzag.” (Grossman)
Il progetto “Facciamo goal alla disabilità!” FGAD promosso dalla Polisportiva Borgo Solestà di Ascoli Piceno è un’iniziativa di integrazione sociale di bambini/ragazzi diversamente abili attraverso il gioco del Calcio. Sì perché il calcio è anzitutto un GIOCO, e giocare è un diritto di tutti i bambini. Giocare a Calcio non vuol dire semplicemente fare goal. Vuol dire condividere, collaborare, saper stare insieme e saper comunicare. Vuol dire saper rispettare le regole, saper rispettare i compagni e gli avversari, ma anche sapersi entusiasmare ed emozionare. Insieme!

Il Nostro Progetto

Il progetto "Facciamo Goal Alla Disabilità" nasce dall'esigenza di dare una risposta concreta al desiderio di ragazzi con disabilità intellettive di praticare dello sport, nello specifico il Calcio. Lo sport di squadra rappresenta l’ambiente più idoneo al divertimento e alla socializzazione, ed è dunque per i ragazzi disabili una occasione preziosissima di integrazione con i loro pari normodotati. Oltre all’integrazione, tra gli obiettivi più importanti vi è quello di sensibilizzare i ragazzi normodotati alla cultura della diversità quale fonte di ricchezza e non come barriera o limite.

I ragazzi vivono tutte le emozioni di una vera e propria squadra, dagli allenamenti, alle partite allo spirito di spogliatoio. Sono previsti due allenamenti settimanali (uno integrato con una squadra di ragazzi normodotati e uno specifico per i ragazzi diversamente abili). I ragazzi verranno poi interessati da tornei e partite in stile "calcio-integrato". Il progetto si rivolge a bambini e ragazzi di tutte le età (in una fascia compresa tra gli 8 e i 20 anni) con diverse disabilità (per motivi di supporto tecnico al momento possiamo lavorare solo con ragazzi con disabilità lievi/moderate).

Il più importante obiettivo che ogni giorno raggiungiamo è ovviamente l'integrazione. Infatti, non solo non sono mai emerse grosse difficoltà nel fare passare ai bambini normodotati (e ai loro genitori) il messaggio del rispetto e della valorizzazione della “diversità” come risorsa, ma la stessa integrazione non ha mai avuto bisogno di forzature o di interventi particolari da parte degli operatori.

Obiettivi e Risultati

OBIETTIVI

1- Favorire l'integrazione tra ragazzi disabili e ragazzi normodotati attraverso la pratica sportiva;
2- Migliorare le abilità sociali, relazionali e comunicative dei ragazzi disabili;
3- Favorire lo sviluppo cognitivo collegato all’attività motoria;
4- Favorire lo sviluppo motorio;
5- Migliorare le abilità funzionali attraverso la pratica sportiva;
6- Aumentare l’autostima e il senso di autoefficacia personale dei ragazzi diversamente abili;
7- Favorire l’autonomia personale attraverso la propria cura personale e del proprio materiale;
8- Sensibilizzare i bambini normodotati, i genitori e la comunità alla tematica della disabilità;
9- Offrire alle famiglie dei ragazzi con disabilità un’occasione per uscire dall’isolamento sociale;
10- Diffondere la conoscenza degli effetti positivi dell’attività sportiva sui soggetti disabili.

 

 

RISULTATI

1- Sviluppo Motorio: i ragazzi hanno nel tempo migliorato le loro abilità motorie;
2- Sviluppo Cognitivo: capacità di mantenere l’attenzione e la concentrazione;
3- Sviluppo Sociale E Relazionale: i ragazzi hanno migliorato le loro abilità sociali e relazionali;
4- Autonomia Personale: i ragazzi hanno maturato un progressivo senso di responsabilità personale. Molti sono passati dalla totale dipendenza dai genitori al riuscire a lavarsi e cambiarsi soli;
5- Benessere Fisico E Psicologico: tutti i ragazzi ci dimostrano costantemente entusiasmo e gioia nello svolgere le attività. Le occasioni in cui si sono dimostrati insofferenti o stanchi sono pochissime e l’impressione comune è che quando i ragazzi entrano in campo stanno bene e sono contenti. Forse è proprio per questo che non abbiamo mai avuto grosse difficoltà a proporre le attività.

Oltre gli allenamenti

 

                           

 

Facciamo Goal Alla Disabilità è molto più che qualche allenamento. I nostri ragazzi sono stati spesso invitati a partecipare a tornei, eventi calcistici e manifestazioni sportive. Siamo stati ospiti della FIGC Nazionale a Coverciano. Abbiamo avuto modo di conoscere grandi campioni come Enrigo Sacchi, Inzaghi e molti altri. Abbiamo partecipato a tantissimi tornei in giro per l'Italia. Siamo stati tra i primi, dopo il terremoto dell'Aquila, a recarci a Fossa (AQ) con qualche pallone e qualche scarpetta e organizzare un momento di svago con i ragazzi del posto (perchè anche e sopratutto la normalità serve in quei momenti difficili). Sono tantissime, da perdere il conto, le partite che abbiamo disputato con squadre di ragazzi normodotati della nostra Regione. E infine, ultimo ma non certo meno importante, noi siamo una squadra dentro e fuori dal campo e il nostro vederci e crescere insieme va ben oltre due allenamenti a settimana. Ci vediamo per cene, feste, serate...insomma siamo davvero uniti!

 

Premi e Rassegna Stampa

                                     

 

Tantissimi sono i premi e riconoscimenti che sono stati assegnati ai nostri ragazzi e al nostro progetto. Stampa online e giornali hanno spesso scritto di noi. Siamo stati tra i primissimi in Italia a promuovere un calcio che fosse completamente integrato e inclusivo. Non  vogliamo che i nostri ragazzi vengano discriminati o "confinati". Il nostro sogno più grande sarebbe quello di vedere progetti come il nostro in ogni parte d'Italia.

 

Contattaci e Informati

Address: Campo Sportivo Monterocco | 63100 Ascoli Piceno (AP)
Phone: Dott.ssa Sara Capriotti 347 6131 522